Vrsar, Orsera, Istria sito ufficiale del turismo di Orsera

Vrsar, Orsera, Istria sito ufficiale
del turismo di Orsera

Feste dei pescatori

Folklore, musica d’intrattenimento, offerta culinaria di specialità di mare

Di più

15th Festival GITARISTRA “Sea & Guitars” 2017

Il festival musicale Mare e chitarre è uno dei simboli estivi di Orsera. Gli amanti della chitarra sanno che – ogni giovedi, nell’ambito di questa manifestazione  tradizionale, li attende un concerto eccezionale, e il programma, di anno in anno, viene selezionato dal direttore artistico Saša Dejanović,

Di più

Bellezze naturali

Dalla costa adriatica fino alla pianura e al terreno leggermente collinare  nell’ hinterland, le bellezze naturali di Orsera e dei suoi dintorni sono fonte di ispirazione per i visitatori in cerca di riposo e di relax.

Di più

Non aspettate che arrivi l’estate.

Venite a Orsera proprio adesso per godervi il sole, il caldo moderato, il riflesso della superficie dell’acqua e gli odori della primavera.

Di più

SPORT, NATURA, ATTIVITA’

A Orsera s i pos sono prat icare una vasta gamma di sport e attività ricreative, dal tennis al calcio, pallavolo, pallacanestro fi no alle bocce ed al minigolf.

Di più

Cerca l'alloggio

Casanova a Orsera – Ricordi di Casanova legati a Orsera

Una delle curiosità di Orsera si associa a Giacomo Casanova che è stato due volte in questa città. Le sue visite, la prima volta nel 1743 e la seconda volta nel 1744 sono più frutto di coincidenze che del suo intento di visitarla, e sono state documentate nelle sue “Memorie”.

La prima volta, come racconta l’autore, ha visitato Orsera nell’ agosto del 1743 e si è fermato tre giorni. In quel periodo era un sacerdote povero e poco appariscente, mentre, quando venne a Orsera per la seconda volta, era un soldato in viaggio dall’ isola veneta Malamocco quando, durante la notte, la sua nave si è ancorata al porto di Orsera per caricare  la zavorra. La nave sulla quale viaggiava trasportava 24 cannoni e duecento soldati dalla Slavonia.

Casanova descrive Orsera come un luogo trascurato in cui è venuto per la prima volta come un uomo poco appariscente, mentre la seconda volta era irriconoscibile – nella splendente  divisa da soldato e pensava che non  sarebbe stato riconosciuto.Nella metà del XVIII secolo a Orsera c’era l’ordinamento feudale, molto rigido e arcaico, e la Contea di Orsera stessa non riusciva a inserirsi nelle tendenze nuove dell’età nuova, soprattutto nello spirito dinamico e diavolesco di Casanova.

Nelle sue „Memorie“ Casanova descrive dettagliamente il suo lungo soggiorno a Orsera durante il quale ha conosciuto un residente che nei 20 anni precedenti aveva lavorato come chirurgo locale inattivo  ed è collui che lo ha ospitato a colazione e in quell’occasione  gli ha servito un refosco squisito.

La produzione del vino a Orsera, all’epoca, era il ramo più importante dell’economia e Casanova aveva l’impressione che il chirurgo volesse indurlo a comprare il refosco!

Nell’episodio descritto viene citata l’avventura di Casanova con una ragazza del luogo, una serva di don Girolamo, e, grazie a questo e ad altre coincidenze, il chirurgo citato è improvvisamente diventato molto ricercato e in breve tempo è diventato ricco…