Vrsar, Orsera, Istria sito ufficiale del turismo di Orsera

Vrsar, Orsera, Istria sito ufficiale
del turismo di Orsera

Ocean Lava triathlon, oct. 25.-27.2019.

Ocean Lava Planet has extended its wings with a new event in Croatia. Taking place in Istria, the peninsula situated in the north-west of the country, Ocean Lava Triathlon Vrsar-Croatia takes place on October 25-27, 2019.

Di più

Eredità storica a Orsera

Il nome di Orsera (Vrsar) é molto antico. Nei documenti medieviali in latino, il nome della nostra cittadina é citato in diverse varianti: Ursaria, Ursarium, Vrsarium, Orsaria…

Di più

A Rich Culinary Tradition

All fragrances and aromas blend in Vrsar to give a harmonious overture into the characteristic gastronomy of Istria. Sea food, grilled fish and meat delicacies that can be tasted in charming restaurants and authentic konobas (taverns) are just a small part of the rich gourmet experience offered by Vrsar.

Di più

Bellezze naturali

Dalla costa adriatica fino alla pianura e al terreno leggermente collinare  nell’ hinterland, le bellezze naturali di Orsera e dei suoi dintorni sono fonte di ispirazione per i visitatori in cerca di riposo e di relax.

Di più

SPORT, NATURA, ATTIVITA’

A Orsera s i pos sono prat icare una vasta gamma di sport e attività ricreative, dal tennis al calcio, pallavolo, pallacanestro fi no alle bocce ed al minigolf.

Di più

Cerca l'alloggio

CAVA DI PIETRA DI MONTRAKER

Nel corso dei secoli Montraker è stata la maggiore e la più importante cava di pietra del territorio di Orsera, sfruttata dalla preistoria fino alla metà del XX secolo. Da essa veniva estratta la famosa Pietra di Orsera (Vrsarski kamen), materiale con cui furono costruiti molti dei più prestigiosi edifici di Venezia, d’Europa e del mondo. Le pareti di roccia, ora abbandonate, di Montraker testimoniano l’eccezionale importanza economica e la misura dell’attività estrattiva, che nel reddito complessivo di Orsera, nel corso della storia, ammontava a circa il 15%. Oggi, questo luogo costituisce un ambiente suggestivo per lo svolgimento di varie manifestazioni, eventi e celebrazioni.

La Cava di Montraker situata sulla penisola nord-ovest del centro storico di Orsera (lato nord-ovest della chiesa dell’antica abbazia benedettina di S. Maria) per le sue dimensioni, la posizione e il significato storico è sicuramente il più importante giacimento di pietra del territorio di Orsera. Probabilmente l’inizio dell’attività estrattiva si può collocare all’epoca preistorica, e in epoca romana furono edificati con questa pietra gli edifici intorno al porto di Orsera (horreum, villa rustica nel sito dell’attuale chiesa di Santa Maria), come lo stesso porto. Lo sfruttamento della cava continuò per tutto il periodo della durata della Contea di Orsera (fino al 1778), durante il breve governo veneziano (1778-1797), l’amministrazione francese (1806-1813), il dominio austriaco (1797- 1806 e 1813-1918 ), il periodo italiano (1918-1943), l’occupazione tedesca (1943-1945) e al tempo della Jugoslavia (dal 1945). La cava di Montraker è, pertanto, un antichissimo giacimento e un’ area di sfruttamento della pietra.

Originariamente, Montraker non era certo una cava, ma si trattava di alcune piccole aree di sfruttamento, che sembrano essere state riunite in un’unica cava durante il governo austriaco nel diciannovesimo secolo oppure all’epoca dell’occupazione italiana (1918-1943). Al posto della cava oggi abbandonata, si trovava una volta un’omonima collina che per altezza e dimensioni può essere paragonata alla collina di Orsera, dove è situato il vecchio nucleo cittadino.

Qui veniva estratto il materiale, geologicamente appartenente al giurassico superiore (J33) un calcare estremamente duro di colore grigio chiaro che si presenta in strati spessi fino a 2 m, con inserzioni sottili di feldispato verdastro. Quando i paesaggisti e le fonti archivistiche parlano delle vene di pietra bianca di Orsera, pensano in gran parte alla pietra che veniva estratta dal sito di Montraker. La tecnica di estrazione della pietra del Montraker rimase per secoli invariata, e cambiò solo con l’utilizzo della dinamite, sconosciuta fino ad allora.

La pietra di Montraker fu utilizzata per la costruzione del ponte ferroviario di Mestre (Il ponte ferroviario di Mestre fra Venezia e la terraferma) negli anni ’40 del XX secolo (completato nel 1946). Si tratta di un ponte di 3601 metri, con 234 arcate e aperture di 8 m, costruito in mattoni e rivestito con la pietra di Orsera (Vrsarski kamen). Per il trasporto delle pietre da Montraker vennero impiegate continuativamente 46 barconi e 14 navi. Questa realizzazione rappresentò il momento più importante e più impegnativo dell’attività della cava.

La vista dalla collina di Orsera in direzione nord-ovest rivela la cava abbandonata di Montraker, una specie di “deserto di pietra di Orsera“. Edo Murtić (1921-2005), famoso pittore croato e ceramista, negli Anni 90 anni del XX secolo visse un ripetuto slancio astratto nel suo lavoro creativo, ispirato e stimolato proprio dalla cava di Montraker. Fino al 2000 dipinse il ciclo “Montraker” costituito da grandi composizioni di colori intensi, gestualità e segni aperti, che raffigurano vedute della cava abbandonata. Montraker era il motivo preferito di Murtić, un luogo che visitava spesso e osservava dal suo vicino atelier.