Vrsar, Orsera, Istria sito ufficiale del turismo di Orsera

Vrsar, Orsera, Istria sito ufficiale
del turismo di Orsera

Tradizione a tavola 15.10.-15.11.2019.

Di più

Ocean Lava triathlon, oct. 25.-27.2019.

Ocean Lava Planet has extended its wings with a new event in Croatia. Taking place in Istria, the peninsula situated in the north-west of the country, Ocean Lava Triathlon Vrsar-Croatia takes place on October 25-27, 2019.

Di più

Eredità storica a Orsera

Il nome di Orsera (Vrsar) é molto antico. Nei documenti medieviali in latino, il nome della nostra cittadina é citato in diverse varianti: Ursaria, Ursarium, Vrsarium, Orsaria…

Di più

A Rich Culinary Tradition

All fragrances and aromas blend in Vrsar to give a harmonious overture into the characteristic gastronomy of Istria. Sea food, grilled fish and meat delicacies that can be tasted in charming restaurants and authentic konobas (taverns) are just a small part of the rich gourmet experience offered by Vrsar.

Di più

Bellezze naturali

Dalla costa adriatica fino alla pianura e al terreno leggermente collinare  nell’ hinterland, le bellezze naturali di Orsera e dei suoi dintorni sono fonte di ispirazione per i visitatori in cerca di riposo e di relax.

Di più

Cerca l'alloggio

CHIESA DI S. MARTINO ALL’ ENTRATA EST DI ORSERA

La chiesa più vecchia conosciuta dedicata a S. Martino si trovava all’entrata est di Orsera, dal lato settentrionale della strada Orsera-Gradina, sulla particella di 64 m, ancora oggi di proprietà della parrocchia. Viene annoverata al gruppo delle chiese romaniche, facendo presente che viene riportata già sulla carta di fra Mauro del 1540. Gli ultimi resti della chiesa sono scomparsi dopo il 1945.

Menzionata già nel 1540 e rappresentata da un pittogramma cilindrico con la croce, viene annoverata al gruppo delle chiese romaniche

Successivamente viene registrata nel catasto Franceschino del 1820: i disegni catastali riportano nelle sue vicinanze delle particelle agrarie denominate S. Martino, la qual cosa dimostra, come nel caso di S. Giorgio e di S. Andrea, l’esistenza di una possibile confraternita annessa proprietaria dei beni menzionati.

Immediatamente dopo la seconda guerra mondiale senza tetto, parzialmente diroccata la chiesa non era più utilizzabile per la liturgia, però esistevano ancora gli alti muri.

Nella canonica di Orsera si conserva la foto della chiesa, scattata subito dopo la seconda guerra mondiale, sulla quale si vede chiaramente che l’entrata della chiesa era situata sul lato ovest e che sulla facciata nel passato si ergeva il campanile a vela (non più esistente al momento dello scatto della foto). Verosimilmente si estendeva su intera superficie della particella di proprietà parrocchiale, pertanto bisogna cercare la pianta della chiesa nei contorni della particella catastale.

Gli ultimi resti della chiesa sono scomparsi dopo il 1945, dato che sono stati utilizzati per la costruzione della strada che conduce a Gradina, la quale strada passa proprio vicino al confine della particella sulla quale era ubicato nel passato l’edificio sacro.

L’assenza delle pubblicazioni recenti sulla chiesa e della relativa bibliografia costituiscono il motivo per cui rimane sconosciuta nei circoli scientifici e professionali.