Vrsar, Orsera, Istria sito ufficiale del turismo di Orsera

Vrsar, Orsera, Istria sito ufficiale
del turismo di Orsera

Tradizione a tavola 15.10.-15.11.2019.

Di più

Ocean Lava triathlon, oct. 25.-27.2019.

Ocean Lava Planet has extended its wings with a new event in Croatia. Taking place in Istria, the peninsula situated in the north-west of the country, Ocean Lava Triathlon Vrsar-Croatia takes place on October 25-27, 2019.

Di più

Eredità storica a Orsera

Il nome di Orsera (Vrsar) é molto antico. Nei documenti medieviali in latino, il nome della nostra cittadina é citato in diverse varianti: Ursaria, Ursarium, Vrsarium, Orsaria…

Di più

A Rich Culinary Tradition

All fragrances and aromas blend in Vrsar to give a harmonious overture into the characteristic gastronomy of Istria. Sea food, grilled fish and meat delicacies that can be tasted in charming restaurants and authentic konobas (taverns) are just a small part of the rich gourmet experience offered by Vrsar.

Di più

Bellezze naturali

Dalla costa adriatica fino alla pianura e al terreno leggermente collinare  nell’ hinterland, le bellezze naturali di Orsera e dei suoi dintorni sono fonte di ispirazione per i visitatori in cerca di riposo e di relax.

Di più

Cerca l'alloggio

TORRE ROMANICA E RIFUGIO DI CASANOVA

La torre, una delle due conservate, appartiene al sistema delle fortificazioni di Orsera, costruita in stile romanico e restaurata nel 2017. Dopo il restauro è destinata a diventare il “Rifugio di Casanova”, nonché centro informativo multimediale contemporaneo, che documenta il soggiorno di Giacomo Casanova ad Orsera negli anni quaranta del XVIII secolo.

La torre rappresenta uno dei punti d’interesse di Orsera per il legame con G. Casanova che qui soggiornò per due volte. Ambedue i soggiorni, documentati nelle sue Memorie, furono stati del caso, piuttosto che di una sua intenzione. Come narra egli stesso la prima volta soggiornò ad Orsera per 3 giorni nell’ agosto del 1743, quando era ancora un prete povero e poco stimato, mentre la seconda volta arrivò ad Orsera come soldato in occasione del viaggio iniziato all’isolotto di Malamoco, quando la sua nave gettò l’ancora nel porto di Orsera di notte per ritirare un carico. Il natante su cui viaggiava trasportava 24 cannoni e 200 soldati slavoni.

Casanova descrive Orsera come un abitato in stato di abbandono, dove giunse per la prima volta da uomo umile, mentre la seconda volta vestito nella splendida uniforme militare, non fu riconosciuto da nessuno.

La desolazione e lo squallore di Orsera verso la metà del XVIII sec. non sorprendono, dato che vi vigeva un sistema feudale anacronistico e molto rigido e nella Contea di Orsera non soffiava il vento del rinnovamento illuministico, ma un rigore lontanissimo dallo spirito dinamico e libertino di Casanova.

Nelle sue Memorie Casanova descrive dettagliatamente il suo secondo soggiorno ad Orsera ed il suo incontro con un uomo che aveva lavorato per 20 anni come chirurgo locale, ma a quel tempo disoccupato, che l’aveva invitato a colazione lodando il proprio refosco eccezionale.

La prima impressione di Casanova fu che il chirurgo intendesse invogliarlo a comprare il suo vino. A tale proposito bisogna ricordare che all’epoca la produzione vinicola di Orsera era l’attività economica più importante.

Nell’episodio descritto viene pure menzionata l’avventura di Casanova con un ragazza locale, serva di Don Girolamo, e pare che in seguito a questo fatto e a circostanze fortuite, il summenzionato chirurgo improvvisamente divenne molto ricercato e ricco.

A ricordo dei soggiorni di Casanova ad Orsera ha luogo Casanovafest, un evento dedicato all’erotismo ed all’amore, con film erotici, disegni, fotografie ed afrodisiaci.